Milano 14/15 gennaio 2017 - Idee e proposte per rinnovare il Volontariato di Protezione Civile della Lombardia - Protezione Civile Imbersago

Vai ai contenuti

Menu principale:

Milano 14/15 gennaio 2017 - Idee e proposte per rinnovare il Volontariato di Protezione Civile della Lombardia

Regione Lombardia - DG Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione - e la Consulta Regionale del Volontariato di Protezione Civile hanno organizzato gli Stati Generali del Volontariato di Protezione Civile della Lombardia 2017, che si sono svolti a Milano sabato 14 e domenica 15 gennaio 2017 a Palazzo Pirelli.
E' stata l’occasione per le Organizzazioni di Volontariato della nostra Regione di lanciare un confronto sui temi e i valori specifici che contraddistinguono il Volontariato in Lombardia, una realtà ricca di storia e di preziose esperienze sul territorio.
L’obiettivo era far emergere idee e proposte per definire una visione comune e innovativa per il futuro del Sistema della Protezione Civile non solo in Lombardia, ma anche a livello nazionale.



Qui di seguito gli argomenti che sono stati oggetto di discussione dei quattro gruppi di lavoro tematici

1) Chi siamo
- un’identità in evoluzione
- quanti siamo
- volontariato organizzato a livello comunale, provinciale e regionale: superiamo i localismi
- partecipazione e rappresentanza nei tavoli di coordinamento e nella Consulta Nazionale

2) Cosa facciamo
- nella prevenzione e nel soccorso
- nelle specializzazioni
- nella formazione
- con le Istituzioni

3) Dove andiamo
il cambiamento degli assetti istituzionali e la riforma costituzionale: l’impatto sul volontariato
il "cambiamento di Mission", nuovi ruoli e figure nel volontariato di Protezione Civile
un Volontariato autonomo, efficacie ed efficiente
forme di autofinanziamento del volontariato

4) La normativa
- adeguamento della Legge 16/2004 e del regolamento regionale 9/2010 ai nuovi soggetti di coordinamento (apertura alle OOV di II° livello che coordinano le organizzazioni già iscritte all’albo)

Clicca sui seguenti link per scaricare i documenti finali che il Volontariato ha presentato e consegnato ufficialmente all'Assessore Simona Bordonali al termine dei lavori degli Stati Generali.

1) CHI SIAMO
2) COSA FACCIAMO
3) DOVE ANDIAMO
4) NORMATIVA
5) RAPPRESENTANZA NAZIONALE


*****************************************************************************************************************


Bordonali: disegniamo futuro di sicurezza

14 gennaio 2017
(Lnews - Milano) "Voi siete l'orgoglio della Lombardia, una forza di oltre 25.000, tra donne e uomini, sempre pronti a gestire le emergenze e che, in quest'occasione, siete chiamati, designati dai vostri territori, a scrivere le nuove regole della protezione civile lombarda. Che è un'eccellenza nazionale, ma che vuole ulteriormente migliorare". Così  l'assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione di Regione Lombardia, Simona Bordonali, aprendo, a Palazzo Pirelli, gli Stati Generali del Volontariato di protezione civile della Lombardia. Presenti Roberto Giarola, del Dipartimento nazionale della protezione civile e il direttore generale dell'Assessorato Franco Cristalli.

L'INSEGNAMENTO DEI VOLONTARI - "In questi quattro anni da assessore alla Protezione civile - ha sottolineato Bordonali - ho imparato molto da voi e credo anche che al mondo del volontariato, particolare quale quello della protezione civile servano regole nuove e più adeguate". "Abbiamo atteso l'esito del referendum costituzionale - ha continuato - per celebrare gli Stati Generali del Volontariato di protezione civile, certi che questa competenza resta, diciamo fortunatamente, in capo alla Regione".

REGIONE LEADER NELLA PROTEZIONE CIVILE - "La Lombardia - ha rimarcato l'assessore Bordonali - è la regione leader per la protezione civile e questo grazie all'impegno dell'Assessorato, ma soprattutto a voi volontari, sempre pronti, disponibili e ogni volta pronti a migliorare la vostra preparazione". "Siete qui agli Stati Generali in 350 - ha aggiunto -, ma siete l'espressione dei CCV e quindi dei territori che, tramite vostro, formuleranno quelle proposte che, come Regione, tradurremo nel nuovo quadro organizzativo e normativo, aggiornando, con voi, la legge del 2004".

LAVORO A GRUPPI FONDAMENTALE - "Il lavoro a gruppi che avete scelto di fare è fondamentale - ha detto l'assessore - e conferma, ancora una volta, la vostra dedizione alla sicurezza dei cittadini e del territorio, non solo quello lombardo, come hanno dimostrato anche i recenti interventi per gli eventi sismici". "A voi chiedo - ha proseguito - di sottolineare il tanto di bello della nostra protezione civile e di aiutarci a migliorare quelle pochissime cose che ancora non funzionano". "Avremmo potuto disegnare il futuro - ha rimarcato - con la Consulta del Volontariato, ma abbiamo preferito che foste voi, in prima persona, in un'occasione che ho fortemente voluto, a definire il vostro quadro di riferimento, a cominciare dalle norme e dalla formazione".



15 gennaio 2017
(Lnews - Milano) "La proposta che arriva dal volontariato è chiara: avocare a Regione Lombardia il coordinamento delle organizzazioni di volontariato di protezione civile esistenti sul territorio. Attualmente le deleghe in materia sono assegnate alle Province, ma questi Enti hanno carenza di risorse e di personale a causa di una riforma pasticciata del sistema istituzionale. Insieme alle Province stesse lavoreremo in questa direzione, intervenendo se necessario anche a livello normativo".

Lo ha detto a Palazzo Pirelli,  Simona Bordonali, assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia, chiudendo i lavori degli Stati generali del volontariato di Protezione civile in Lombardia, due giorni di incontri tra le Organizzazioni di Volontariato per far emergere idee e proposte volte a definire il futuro del Sistema della Protezione Civile.

MOLTE PROPOSTE SU CUI LAVORARE - "In questi due giorni sono emerse molte proposte ed è stato un onore per me raccoglierle e condividerle. Approfondiremo tutte le tematiche nelle prossime settimane, per migliorare ulteriormente modalità di prevenzione, di formazione dei volontari e di pronto intervento", ha sottolineato Bordonali, evidenziando come la Lombardia abbia "un sistema di Protezione civile eccellente, formato da 25.000 donne e uomini e da circa 900 associazioni. È molto positivo vedere che gli stessi volontari sono costantemente impegnati per migliorarlo a livello organizzativo e pratico".


 
L'Assessore regionale lombardo Simona Bordonali e il Capo Dipartimento Fabrizio Curcio
con i rappresentanti delle organizzazioni di volontari della protezione civile.


"Nei documenti che sono stati presentati ho trovato delle proposte per le quali ci deve essere una analisi a livello nazionale, mentre altre possono essere facilmente attuate. Quanto emerso e quanto accaduto in questi giorni qui è il segno di quanto sostengo da tempo: se una comunità è matura ha la necessità di essere presente e confrontarsi con le istituzioni e, dall'altra parte, se una politica è matura non può fare a meno del mondo del volontariato. Qui questi elementi ci sono entrambi".
Queste le parole del Capo Dipartimento Fabrizio Curcio, intervenuto agli Stati Generali del Volontariato di Protezione Civile della Lombardia insieme al Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo, all'assessore regionale Simona Bordonali, al direttore alla protezione civile Fabrizio Cristalli e all'assessore all'agricoltura della Regione Liguria Stefano Mai.

 
Cerca nel sito
Torna ai contenuti | Torna al menu